Cena in bianco: un evento unico

Montoro (AV)

Torna il flash mob più atteso dell’estate!
Cena in bianco montoro una suggestiva cena a sorpresa, un po’ “sauvage” come dicono i francesi, per strade e piazze della città, a cui tutti sono invitati e tutti ne sono protagonisti. Gratis la partecipazione, senza alcun fine commerciale e di lucro l’evento.

L’idea di lanciare e promuovere cena in bianco a Montoro (AV) è di Anna Maddaloni, direttore creativo e Alfredo Taiani. Quest’anno sarà la terza edizione; la prima edizione del 2015 è stata anche la prima edizione nella provincia di Avellino, l’edizione 2016 ha visto più di 1000 partecipanti, sei pronto per l’edizione 2017?

cena_in_bianco_montoro

L’invito

l’invito a partecipare consiste nell’organizzare e creare una cena tutti insieme per la città, dove ognuno in una sera ed in un luogo prestabilito, dovrà portare con sè sedie e tavolino pieghevoli (bianchi!) e vivande al seguito, ovviamente tovaglia bianca, rigorosamente non di carta, piatti e bicchieri (che si riportera’ a casa dopo avere sparecchiato) perche’ non un portacandele e poi abbigliarsi e mettersi carini in abbigliamento bianco!

e’ necessario aderire ed iscriversi

le regole da rispettare per partecipare all’evento:

  • l’iniziativa e’ aperta a grandi e piccini. la cena saràorganizzata in uno spazio pubblico e una delle regole fondamentali da rispettare sarà la cura e la pulizia del luogo, quindi non rovinare un bene della città, pulire e portare via ciò che avanza. l’iniziativa non vuole essere solo un momento di aggregazione ma vuole anche dire nelle trame ai montoresi come vivere la città diversamente, come noi tutti dobbiamo volere bene agli spazi comuni. attori attivi e non solo spettatori.
  • assolutamente fondamentale, poi, sarà anche il codice estetico che prevede il vestirsi in eleganti abiti total white la sera della cena e di portare nel luogo d’incontro tavoli, sedie, tovaglie e tutto l’occorrente per il flash mob culinario in linea con lo spirito dell’evento.
  • ad ogni partecipante si chiede di divulgare e diffondere l iniziativa a tutti circolarizzando il piu’ possibile la mail. inoltre per il comitato promotore dell’idea ci stiamo attivando nel cercare partner e white angel volontari che siano divulgatori, informatori, organizzatori, supporter

cena_2015

perché

la voglia di lanciare e promuovere l idea di un evento per montoro, gratuito, senza fondi ne budget, della e per la città e per i montoresi che riportasse all’atmosfera del giocare in cortile, dello stare insieme per strada come nei vecchi paesi dove ancora le feste patronali e il mangiare insieme alle sagre tiene unite le persone e sancisce lo spirito dell’amicizia, quella vera.

In questo momento in cui tutto sembra crollare, forse sarebbe piu normale pensare un black party. E invece noo ! Dobbiamo tirare fuori la nostra italianità e la nostra creatività, essere uniti e stare insieme a tavola sarà un momento incantevole e suggestivo dove il palcoscenico meraviglioso della nostra città sarà la cornice).

l’agora’/la piazza/la strada

l’agorà quale modello ed espressione tipicamente italiana di piazza, quale spazio e luogo di incontro, di scambio di “connessioni” umane, di contaminazioni di idee e di energie.
Vivere e riappropriarsi del territorio da un lato, essere inquilini della città “protagonisti” e non spettatori, partecipare ad una cena dove ognuno porta tavolo sedie picnic, monta e smonta e sparecchia con un codice est-etico molto preciso. quasi come se ognuno fa un piccolo pezzetto di una pièce dove lo spettacolo completo avviene solo grazie alla presenza di tutti.

I montoresi e tutti coloro dei dintorni che vorranno essere a Montoro quella sera – diventino loro stessi “attori” dell’ evento, creando loro stessi uno spettacolo fatto dalla loro energia creativa, aggregazione, condivisione a tavola, tutti insieme, grandi e piccoli, in un’atmosfera un po’ felliniana dove la strada, l’incontro, la cucina, la tavola, la solidarietà sono valori importantissimi.

gratis

la partecipazione e’ gratuita. L’invito è aperto a tutti, grandi e piccini di ogni età.

L’adesione e’ necessaria e indispensabile per poter definire quanti saremo, la data, il luogo esatto (una piazza? più piazze? un parco? i portici.. chissà !)

Dove e quando

A Montoro (AV) ma il dove ed il quando lo saprete a breve

cena_in_bianco2

ma cos’è un flash mob?

il termine dal significato “flash” – breve, rapido e “mob” – moltitudine indica un insieme di persone che riuniti in un determinato luogo ed un certo momento danno vita tutti insieme ad una determinata azione per un periodo di tempo di breve durata per poi disperdersi senza lasciare tracce (come bravi inquilini di casa propria!) subito dopo.

La contemporaneità dell’atto eseguito da parte di una moltitudine di persone crea l’ evento, il flash mob appunto. Ci si raduna rispondendo ad un invito che è stato veicolato attraverso il web.
SMS, social network, mail, passaparola fanno il resto. L’invito si caratterizza per essere originale, fresco, leggero. Spesso anche bizzarro. Un’iniziativa capace di coagulare anche persone molto distanti fisicamente ma che il web avvicina. persone, pronte a mobilitarsi e dare vita al mob per il gusto di partecipare.

Il suo “perchè” è quello di essere qualcosa a sorpresa che unisce le persone, un piccolo stato di grazia nello stare tutti insieme, un qualcosa di non obbligato che rompe la quotidianità dove tutti coloro che partecipano si mettono d’accordo tra di loro attraverso il web o i cellulari a fronte di una proposta condivisa di flash ricevuta da parte di qualcuno che l’ha promossa e proposta.

l’ispirazione dell’idea

Parigi ed altre grandi capitali nel mondo dove si tiene un diner en blanc da 24 anni

Sulle orme e sugli spunti lontani del white dinner newyorchese e parigino, una vera e propria istituzione per i Francesi. Nata nel 1988 dall’idea di uno chef parigino, François Pasquier, la cena in bianco è un evento che si ripete tutti gli anni da 24 anni riscuotendo ampio successo.
L’anno scorso si sono raggiunte ben diecimila adesioni all’evento e la città di Parigi ha addirittura concesso l’utilizzo dei giardini del Louvre e della cattedrale di Notre Dame.

Le regole sono poche ma ben precise: per partecipare si deve inviare una e-mail ad un indirizzo divulgato dall’organizzazione, attendere ed eseguire alla lettera le istruzioni fornite ma soprattutto è fondamentale procurarsi abiti da sera eleganti completamente bianchi.

E come ogni flash mob che si rispetti il luogo rimane segreto fino all’ultimo. e dopo il successo parigino, le dîner en blanc ha fatto tappa a Berlino, Montreal, New York e Chicago, per approdare finalmente a Torino grazie ad Antonella Bentivoglio d’Afflitto e poi in molte città d’italia, fino a Montoro (AV), cittadina di 20.000 persone.

plus di fondo

– le persone creano da sole una magnifica corografia nella città
– lo spettacolo e gli attori sono loro stessi, non vanno a vedere qualcuno ne pagano per farlo
– è una grande occasione per tutti di vivere la città in maniera insolita
– è una grande festa (la più semplice, dove si mangia insieme)
– è davvero per tutti
– la fantasia e la creatività di ciascuno trova spazio
– è un evento pop-up, monta-smonta, apparecchia-sparecchia
– non vi e’ un organizzatore
– e’ senza fini di lucro
– e’ gratis

perché il colore bianco

il bianco e’ neutro, elegante, tira fuori le persone vere, la loro anima, l’essenza delle persone e della città.

Come sarà la “cena in bianco Montoro”? Ovviamente vestirà la personalità e le caratteristiche del palcoscenico che la ospiterà.
Dovrà essere calibrato sulle esigenze di chi vorrà partecipare ma soprattutto avrà uno scopo: servirà a vedere la propria città attraverso un’altra ottica e ai partecipanti scaturire la necessità di riappropriarsi dei propri spazi e di creare aggregazione.